Loading...

Tortino ripieno di pesche ed amaretti: matrimonio di dolce ed amaro

La ricetta di cui vi parleremo oggi è basata tutta sul contrasto di sapore: uno dei frutti più dolci per eccellenza come la pesche si combina, all’interno di un morbido tortino, al sapore intenso e pungente dell’amaretto di Saronno DOP.

Senza dubbio un dolce che esce dai canoni classici del gusto ma che risulta perfettamente equilibrato grazie al perfetto connubio tra questi due preziosi ingredienti.

A completare il tutto ci sono poi le fette di pesca caramellate che vengono disposte alla sommità del tornino per dare colore sia alla vista che al morso.

Ingredienti

Proporremo il dolce in forma di monoporzione, per cui per realizzarne quattro useremo:

  • 140 grammi di farina di tipo 00;
  • 170 grammi di zucchero;
  • 50 grammi di burro;
  • 2 uova intere;
  • 2 tuorli;
  • 4 pesche gialle;
  • 120 grammi di amaretti;
  • 100 ml di latte;
  • 200 ml di panna fresca;
  • scorza di limone.

Procedimento

Iniziamo dalla preparazione della frolla mescolando il burro leggermente sciolto con circa 70 grammi di zucchero, la farina, un uovo intero ed un tuorlo.

Lavoriamo l’impasto con le mani fino a renderlo omogeneo quindi a questo punto lasciamo l’impasto della frolla a riposare e ci concentriamo sul ripieno interno.

Per prepararlo ci servirà triturare finemente gli amaretti con il coltello e poi unirli a 100 grammi di zucchero, al latte ed alla panna fresca; amalgamate gli ingredienti ed aggiungete anche due albumi montati a neve così da rendere il composto più leggero e voluminoso.

Stendete la frolla ed utilizzatela per foderare gli stampini con un sottile strato quindi versate all’interno il ripieno agli amaretti e cuocete in forno preriscaldato a 170 gradi per almeno 20 minuti.

Nel frattempo lavate e pulite le pesce, tagliatele a cubetti regolari e saltatele in padella con del butto, lo zucchero e la scorza di limone per dare anche una nota olfattiva.

Estraete dal forno i piccoli tortini di frolla e decorateli con la pesca ancora calda ed il suo sugo di cottura e servite, a seconda della vostra preferenza, o ancora caldi o dopo averli fatti raffreddare per 5 minuti in frigorifero.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons