Loading...

Allarme ICCO: la cioccolata sta per finire

cacaoÈ una notizia che non avremmo mai voluto darvi, ma se a parlare è l’Organizzazione Internazionale per il Cioccolato c’è da prenderla sul serio.

Secondo l’importante organizzazione, che tutela prodotto e produttori, la cioccolata starebbe per finire, o meglio, starebbe per finire la cioccolata come la conosciamo.

Cresce infatti l’apprezzamento per i prodotti a base di cacao anche nei mercati emergenti del lontano oriente (su tutti la Cina), apprezzamento che sta causando scompiglio sul mercato internazionale del cacao, che si sta apprestando ad affrontare problemi che non si verificavano da almeno 50 anni.

Nel prossimo futuro prezzi alle stelle

La differenza sul mercato la farà il prezzo. I brand che vorranno continuare ad utilizzare alte quantità di cacao dovranno per forza di cose alzare i prezzi, dato che il componente principale dei fondenti, il cacao appunto, si troverà con un prezzo salito alle stelle.

I marchi che invece si occupano di commercializzare qualità di cioccolato più scadenti, dovranno sopperire ai costi altissimi del cacao in altro modo, principalmente offrendo sul mercato prodotti dal contenuto di cacao fortemente ridotto, preferendo le varianti al latte.

Una crisi senza vie d’uscita

Quello che più fa paura della crisi ventilata dall’ICCO è che sembra si tratti di una crisi senza vie d’uscita. La produzione del cacao è già ai picchi storici, e sembra estremamente difficile aumentarne la produzione, nonostante la domanda di prodotti a base di cacao si faccia sempre più pressante da parte degli orientali.

La domanda c’è, la voglia di consumare cioccolato è ormai alla portata di tutti, ma l’offerta non riuscirà, almeno secondo le previsioni, a soddisfare tutti.

Problema che lancerà una corsa ai rincari, che vedrà soltanto chi è disposto a pagare cifre considerevoli per il cioccolato soddisfatto.

La produzione potrebbe addirittura scendere

Quello del cioccolato è un mercato particolare, con i coltivatori di cacao che si portano a casa una percentuale risibile degli interi ricavi del settore. I bassi ricavi spingono i giovani ad allontanarsi da queste professioni, e con una popolazione contadina che invecchia il rischio da fronteggiare nei prossimi anni sarà quello di non trovarsi più neanche con la quantità di cioccolato a disposizione oggi.

Un’eventualità che i produttori stanno cercando di scongiurare con investimenti sempre più forti nei paesi in via di sviluppo, ovviamente però solo in quelli adatti alla coltivazioni del prezioso cacao.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons