Loading...

Fichi secchi: come prepararli a casa

ricetta fichi secchiNella maggior parte dei casi, i fichi secchi che si acquistano al supermercato e che provengono da agricoltura convenzionale contengono additivi non certo benefici per la nostra salute, primi fra tutti i solfiti.

Cosa fare, dunque, se si vuole essere certi di gustare un prodotto del tutto sano e naturale?

La cosa migliore è quella di acquistare i fichi freschi nel momento in cui giungono a completa maturazione (cioè nel mese di settembre) e, poi, farli essiccare.

Il procedimento da seguire non è affatto difficile, ma richiede indubbiamente un po’ di tempo e di pazienza.

Ecco tutto quello che vi occorre sapere per preparare a casa dei deliziosi fichi secchi.

La ricetta

Ingredienti

  • fichi freschi

E’ importante che scegliate fichi che siano ben maturi ma, allo stesso tempo, piuttosto sodi.

Inoltre, poiché ne mangerete anche la buccia, il consiglio è quello di optare per fichi non trattati.

Procedimento

Lavate delicatamente i fichi sotto acqua corrente fresca e, poi, asciugateli tamponandoli con un canovaccio pulito o con della carta assorbente.

Utilizzando un coltello ben affilato, tagliate a metà i fichi – nel senso della lunghezza – facendo, però, attenzione a lasciarli attaccati per un’estremità.

Quindi, apriteli a libro e disponeteli, con l’interno rivolto verso l’alto, su un vassoio rivestito con carta da forno o su un graticcio o su una tavola di legno. In ogni caso, è bene che li poniate su un piano che potete trasportare agevolmente, perché – durante il processo di essiccazione – i fichi necessiteranno di essere spostati più volte.

Avendo cura di scegliere un punto esposto al sole, poneteli sul vostro balcone, terrazzo o giardino e, per proteggerli dagli insetti, copriteli con una retina o con un velo.

Poiché è importante che, nell’arco della giornata, i frutti ricevano i raggi del sole per il maggior numero di ore possibile, molto probabilmente – per far sì che non rimangano all’ombra – sarà necessario spostarli più volte.

Al tramonto portate in casa i fichi, per evitare che l’umidità della notte ne allunghi i tempi di essiccazione o, addirittura, li faccia marcire.

Il mattino seguente esponeteli nuovamente al sole e seguite il procedimento adottato il giorno precedente.

Fate lo stesso anche nei giorni successivi, fin quando i frutti non si saranno completamente disidratati.

Il tempo necessario per l’essiccazione varia in base alll’umidità del clima ed alla quantità di sole che i fichi ricevono durante la giornata (in genere, occorrono da un minimo di 3 a un massimo di 7-8 giorni).

In ogni caso, per capire se i vostri fichi si sono disidratati del tutto, controllate che si siano scuriti (perdendo il proprio colore originario) e che, al tatto, risultino secchi.

A quel punto, i vostri fichi sono pronti per essere gustati.

Sui fichi secchi…qualche consiglio in più

Come essiccarli se il clima non è favorevole?

Nel caso il clima non sia adatto all’essiccazione dei fichi, ovvero sia umido e non soleggiato, potete adottare un metodo alternativo.

Dopo averli aperti a libro, disponete i fichi su una placca rivestita con carta da forno o all’interno di una pirofila e fateli essiccare ponendoli per circa 12 ore in forno preriscaldato a 70°C.

Come conservarli?

Se volete preservare al meglio (e il più a lungo possibile) tutta la bontà dei fichi secchi, il consiglio è quello di porli all’interno di un barattolo di vetro a chiusura ermetica e di tenere il contenitore in luogo asciutto e al riparo da fonti di luce.

In questo modo potrete conservare i vostri fichi per molti mesi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons