Loading...

Si può dare cioccolata durante lo svezzamento?

Si può dare cioccolata durante lo svezzamentoLo svezzamento è la fase della crescita in cui si cominciano ad introdurre nell’alimentazione del bambino i cibi solidi. Si tratta di una fase molto delicata che inizia a sei mesi e dovrebbe durare fino al diciottesimo mese.

In questo periodo si cominciano a scoprire sapori diversi dal latte, perciò per evitare che il bambino si disorienti o rifiuti la nuova alimentazione, è necessario introdurre gradualmente i nuovi cibi nella sua dieta.

Anche la cioccolata è fra gli alimenti che si possono dare durante lo svezzamento?

Lo svezzamento

L’Organizzazione Mondiale della sanità consiglia alle neomamme di nutrire il proprio bambino nei primi sei mesi di vita con il latte materno e, laddove è possibile, di proseguire con l’allattamento al seno anche durante il periodo dello svezzamento.

Gli alimenti da evitare

Durante lo svezzamento bisogna evitare alimenti molto calorici, cibi ricchi di proteine di origine animale, sale e zucchero raffinato. Il fabbisogno di sale del bambino è soddisfatto già da quello contenuto negli alimenti.

Per quanto riguarda lo zucchero, oggi la medicina è concorde nell’affermare che addolcire gli alimenti nella fase dello svezzamento, può avere ripercussioni negative sulla salute in età adulta. Somministrando troppo zucchero, infatti, si influenza il gusto del bambino che finirà per prediligere gli alimenti dolci, e questo lo mette a serio rischio di obesità, patologie cardiovascolari e carie dentarie.

La gradualità

Lo svezzamento prevede, come detto, l’introduzione graduale degli alimenti. Per esempio a sei mesi si può cominciare a dare al bambino biscotti, frutta cotta e fresca grattugiata, brodo vegetale, e qualche latticino fresco come la ricotta di mucca.

A sette mesi è possibile introdurre nell’alimentazione iltuorlo d’uovo e le carni sia frullate, sia omogenizzate. A otto mesi il brodo di carne e il prosciutto cotto. Il pesce e il pomodoro si faranno assaggiare a nove mesi, mentre a dieci il bimbo è pronto per i legumi. A dodici mesi si può dare il miele e a diciotto si possono condire i piatti con un po’ di sale. E così via.

La cioccolata

Nonostante la cioccolata sia ricca di vitamina B, serotonina e di altre proprietà benefiche, è anche un alimento molto, molto allergizzante. Perciò i pediatri consigliano di dare il cioccolato al proprio bambino non prima dei ventiquattro mesi: in pratica a svezzamento finito.

Ovviamente ai bambini la cioccolata va data sempre di prima qualità e in piccole dosi. Insieme alla coccolata, intorno ai due anni il bambino può cominciare a mangiare con molta moderazione anche fragole, burro, panna, salumi e pesche.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons