Loading...

Stampi per il cioccolato: quale materiale scegliere

Stampi per il cioccolato quale materiale scegliereLe nostre cucine sono zeppe di utensili e strumenti che semplificano molto il lavoro di chi sta dietro ai fornelli. Oggi il mercato offre una gamma infinita di attrezzi da cucina pratici e anche belli da vedere.

Colorati e dal design raffinato, amiamo circondarci da mestoli e schiumarole di nylon, di piatti, tazze e ciotole di melamina e di stampi per dolci in policarbonato e silicone.

Ma qual è il materiale meno tossico? Ecco, per esempio, come regolarsi quando si acquistano gli stampi per il cioccolato.

Le materie plastiche

Negli ultimi anni il dibattito sull’uso di materie plastiche in cucina si è molto acceso. Le preoccupazioni che sostanze come silicone e policarbonato al contatto con il calore possano rilasciare sostanze tossiche come la formaldeide, sono aumentate.

La paura che le materie plastiche utilizzate per realizzare gli utensili da cucina possano mettere a serio rischio la nostra salute, non è infondata. E’ stato provato, infatti, che alcune teglie in silicone non prodotte in Europa, davvero rilasciano sostanze nocive.

Per questo motivo la Commissione Europea ha dettato, almeno per i materiali come poliammide e melamina, misure molto rigide. In ogni caso in questo campo c’è ancora molto da fare. Per esempio, sia l’Europa, sia l’Italia ancora non esiste una normativa sull’impiego del silicone negli attrezzi da cucina.

I dubbi

La UFC Que Choisir, nota associazione dei consumatori francesi, ha eseguito dei test specifici su settantacinque utensili da cucina realizzati con nylon, silicone e melamina.

I risultati hanno fugato qualche dubbio sulla tossicità di questi materiali, perché su ventisei stampi in silicone, solo due hanno emesso sostanze pericolose. Lo stesso è successo su venticinque utensili in nylon, mentre per quelli realizzati in melamina non c’è stato alcun problema.

Quale materiale scegliere

Alla luce di quanto detto, quando si acquistano gli stampi per il cioccolato, o altri utensili per la cucina, non è del tutto sbagliato scegliere quelli realizzati in melamina, nylon o silicone.

Tuttavia, bisogna tener presente che impedire completamente il trasferimento nel cibo di alcune quantità seppure minime di sostanze nocive, è molto difficile.

Perciò è consigliabile limitare l’uso degli stampi realizzati in materiale plastico anche quando sull’etichetta è indicato che l’oggetto in questione non teme il forno a microonde o le temperature molto elevate.

Materiali sconsigliati

Un discorso a parte merita il policarbonato. Dovete prestare molta attenzione quando acquistate stampi per il cioccolato realizzati con questo materiale.

Sull’etichetta di un contenitore o di uno stampo di plastica, è sempre indicato un numero che indica il tipo di materiale con il quale è stato realizzato. Se trovate scritto il numero 3, lo stampo è stato costruito con coluro di polivinile, noto come PVC, il quale contiene DEHA una sostanza che potrebbe essere tossica.

Se, invece sull’etichetta è indicato il numero 7, state alla larga da quello stampo o da quel contenitore: il numero sette indica la presenza di BPA, un composto altamente tossico per l’uomo.

Stampi per il cioccolato quale materiale scegliereMateriali consigliati

Per non correre alcun rischio, è bene tornare ai vecchi e tradizionali materiali inerti: vetro, acciaio inox e terracotta.

In commercio è facile trovare teglie per dolci di terracotta e di vetro resistente anche alle alte temperature. E’ meno facile, invece, trovare stampi di cioccolato in questi materiali.

Ma non c’è problema, perché per il cioccolato esistono stampi di acciaio inox di tutte le forme e dimensioni.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons