Loading...

Usare il Miele nei dolci al posto dello zucchero

Miele nei dolci al posto dello zuccheroIl miele entra in molte ricette della cucina mediterranea. Nella gran parte delle regioni italiane si usa soprattutto per preparare dolci tipici della tradizione locale.

Ma il miele può essere usato in sostituzione dello zucchero nei dolci classici?

Miele al posto dello zucchero

Il miele contiene 304 calorie 305 per 100 grammi di prodotto. E’ meno calorico dello zucchero che nella stessa quantità di calorie ne contiene 392.

Quando si usa in cucina bisogna sempre tener presente che il miele però, che pur essendo meno calorico, ha un potere dolcificante maggiore dello zucchero.

Negli impasti dei dolci si consiglia di usare il 20% in meno dello zucchero richiesto nella ricetta. Se per esempio la ricetta richiede 200 grammi di zucchero, di miele bisogna usarne 160.

Indicativamente un cucchiaio da minestra di miele equivale a circa 18 grammi e 100 millilitri equivalgono a circa 120 grammi.

Il miele in cucina

In cucina è un alleato prezioso. Può sostituire tranquillamente lo zucchero nei dolci e riesce a dare un gusto particolare anche alle ricette salate.

Il miele si differenzia in sapore, odore, colore cristallizzazione e proprietà in base al fiore da cui le api succhiano il nettare.

Fra i tanti tipi di miele, quelli che trovano un maggiore uso in cucina sono il millefiori, il miele di tiglio e quello di acacia.

Il primo è tra i mieli più diffusi. Prodotto dal nettare di svariate specie di fiori, il millefiori ha un aspetto scuro e il suo aroma varia in base ai fiori presenti sul territorio di provenienza.

Il miele di tiglio è molto aromatico ed è ottimo per i dessert. Il miele di acacia ha un sapore molto delicato, ricorda il profumo di vanigliato come i confetti, ha un aspetto vellutato e, soprattutto non copre i sapori.

Il miele di castagno, invece, si abbina ed esalta il sapore alla carne di maiale e dei formaggi perché ha un retrogusto amaro.

L’uso del miele in cucina evita l’impiego di altri aromi per il suo naturale profumo. In cottura però, ha la tendenza a caramellare, quindi la crosta dei dolci potrebbe colorarsi in modo eccessivo, o addirittura bruciarsi. Per ovviare a tale inconveniente è consigliata la cottura a vapore.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons