Loading...

Cioccolato e colesterolo: la guida per non farsi del male

Cioccolato e colesterolo come muoversiIl cioccolato negli ultimi anni è stato oggetto di molti studi che hanno completamente cancellato la sua cattiva reputazione.

Così da nemico giurato di linea e salute, si è trasformato in un buon alleato per perdere peso e in un grande amico del nostro benessere.

Le proprietà benefiche che oggi si attribuiscono al cioccolato, sono davvero tante inclusa quella di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

I polifenoli del cioccolato

Ai golosi di cioccolato ogni giorno è dato qualche motivo in più per consumare il loro dolce preferito. Non passa giorno, infatti, che la medicina non aggiunga un’altra voce al lungo elenco delle virtù del cioccolato.

Le ricerche più recenti hanno dimostrato come i polifenoli contenuti nel cacao siano in grado di tenere sotto controllo anche il colesterolo cattivo LDL.

Nel cacao i polifenoli più numerosi sono i flavonoli che sono ottimi antiossidanti, fanno bene al cuore e aiutano l’organismo a scongiurare il pericolo di ipercolesterolemia.

Il cioccolato e il colesterolo

Il primo studio volto a esaminare l’effetto dei polifenoli del cacao sul colesterolo, è stato pubblicato nel 2010 dalla rivista scientifica Diabetic Medicine.

Furono i ricercatori inglesi della University of Hull a scoprire per primi che il consumo giornaliero di 45 grammi di buon cioccolato ricco di polifenoli, faceva aumentare il colesterolo buono HDL e diminuire il colesterolo totale.

L’anno successivo il magazine European Journal of Clinical Nutrition confermava i risultati di questa e di altre ricerche che mettevano in relazione cioccolato e colesterolo. In più, l’autorevole rivista aggiungeva che il consumo di cacao riduceva oltre al colesterolo totale, anche i livelli di colesterolo cattivo LDL.

Nel 2012 i ricercatori della San Diego State University decisero di affinare la ricerca per capire gli effetti sul colesterolo del cioccolato bianco, senza polifenoli, e del cioccolato fondente ricco di polifenoli.

Il risultato, confermò l’esito degli studi precedenti: solo i pazienti che consumavano cioccolato fondente facevano registrare livelli molto più alti di colesterolo HDL e significativamente più bassi di colesterolo LDL. Non solo, ma nei consumatori di cioccolato con polifenoli si abbassavano anche i livelli di zucchero nel sangue.

Come muoversi

Se si vogliono godere tutti gli effetti benefici del cioccolato, bisogna attenersi a poche ma importantissime regole. Intanto il consumo di cioccolato non deve essere eccessivo: 40/45 grammi di cioccolato al giorno per un soggetto sano sono più che sufficienti a garantire un buon benessere psico-fisico.

La seconda regola cui attenersi è di consumare cioccolato di qualità. L’optimum sarebbe consumare cacao crudo in semi oppure cacao biologico amaro in polvere. Il cioccolato che si trova in commercio di solito ha pochissimi polifenoli ed è ricco di grassi saturi idrogenati.

40 grammi al giorno del surrogato di cioccolato che affolla gli scaffali dei supermercati, non solo non sortiscono alcun effetto benefico sul colesterolo, ma potrebbero arrecare danni all’organismo e favorire l’accumulo di grasso.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons