Loading...

Cioccolato ed emorroidi: una guida al consumo

Cioccolato ed emorroidiQuando le emorroidi s’infiammano, causano di fastidiosi e imbarazzanti disturbi. La malattia emorroidale in Italia colpisce circa il 60% delle persone sopra i diciotto anni.

Nella cura delle emorroidi l’alimentazione assume un ruolo fondamentale.

Alcuni cibi sono di grande aiuto nella prevenzione e nella cura della malattia, altri invece sono assolutamente da evitare.

Il cioccolato a quale delle due categorie appartiene?

La malattia emorroidale

Le emorroidi sono piccole strutture di tessuto spugnoso che si trovano nel canale anale.

Questi piccoli cuscinetti ricchi di vasi sanguigni negli individui sani assolvono il compito di favorire l’evacuazione.

Quando i tessuti delle emorroidi prolassano per fenomeni degenerativi che possono avere origini diverse, si verifica la malattia emorroidale. E’ inesatto, dunque, identificare il disturbo causato dall’alterazione di queste strutture vascolari con il termine emorroidi.

Sintomi

Quando le emorroidi s’infiammano, possono causare dolore, prurito e persino emorragie. In quest’ultimo caso l’unico rimedio è la rimozione chirurgica.

Emorroidi e alimentazione

Una delle cause più diffuse della malattia emorroidale è la stipsi che può essere causata da diversi fattori: gravidanza, vita sedentaria, ansia, depressione, inibizione volontaria dello stimolo di evacuazione, età e, soprattutto, errate abitudini alimentari.

Chi soffre di stitichezza per prima cosa deve inserire nella dieta alimenti atti a controllare e migliorare il transito intestinale. Per aiutare la peristalsi intestinale deve bere molta acqua e aumentare il consumo di fibre.

Verdure, legumi, frutta e cereali servono ad aumentare e a rendere più morbida la massa fecale che transita nell’intestino con più velocità. In più, l’evacuazione avviene senza sforzi e ciò impedisce l’infiammazione e la fuoriuscita delle emorroidi.

Oltre ai prodotti vegetali anche il pesce, con il suo contenuto di nutrienti essenziali e grassi omega 3, è molto amico dell’intestino.

Emorroidi e cioccolato

Il cioccolato, nonostante abbia tante virtù, non è consigliato a chi è affetto da malattia emorroidale. Il cioccolato, soprattutto se si esagera nel consumo, è nemico di quanti soffrono di stipsi o, comunque della sindrome da intestino irritabile.

Il grasso contenuto nel cibo degli dei, rallenta il transito intestinale e favorisce la formazione di feci dure che provocano l’infiammazione delle emorroidi.

Un’indagine condotta dalla nutrizionista Kristi King dell’Accademia di Nutrizione e Dietetica del Texas ha dimostrato che era stato proprio l’abuso di cioccolato a causare stipsi nel 70% delle persone esaminate.

Anche il cioccolato, quindi, si può annoverare nella categoria di alimenti che possono irritare le emorroidi a irritarsi. Il consiglio, dunque è di non consumare cioccolato quando si avvertono bruciori o pruriti.

Il cioccolato spesso è accusato di provocare diarrea. A dire il vero questo disturbo non è provocato dal cacao, ma dai dolcificanti artificiali che entrano nella produzione del cioccolato.

In ogni caso, anche gli attacchi di diarrea sono nocivi per le emorroidi perché le feci liquide con un alto tasso di acidità provocano l’irritazione del plesso emorroidario e bruciori insopportabili durante la defecazione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons