Loading...

FAQ lieviti: rispondiamo alle domande più comuni

Negli ultimi mesi abbiamo avuto abbastanza tempo per provare nuove ricette, realizzare il lievito madre in casa, preparare il pane, la pizza, i dolci e qualsiasi altra cosa che ci permettesse di affinare le nostre abilità e mangiare qualcosa di buono preparato con le nostre mani.

Tuttavia, nonostante questa full immersion in cucina, sono tanti i dubbi e le cose che non sappiamo sul lievito, soprattutto quando si parla di lievito madre nella sua forma solida e liquida. Proprio per risolvere questi dubbi oggi abbiamo deciso di fare un piccolo elenco delle domande più comuni sui lieviti!

Cosa cambia tra lievito secco e lievito fresco?

Possiamo decidere di utilizzare il lievito secco o il lievito fresco in base alla ricetta che dobbiamo realizzare. Per quanto riguarda le differenze diciamo che la più sostanziale riguarda la rapidità. Infatti il lievito secco è senza dubbio più facile e rapido da usare, soprattutto se si tratta di un lievito secco istantaneo.

Tuttavia, il lievito secco istantaneo, a volte, può modificare il sapore del piatto pronto, per questo, spesso, è preferibile scegliere il lievito di birra, soprattutto se ci serve per la preparazione di un piatto che ha bisogno di essere sottoposto a diversi processi di lievitazione, come ad esempio il panettone.

È meglio il lievito naturale o quello comprato al supermercato?

Se hai la possibilità, e la capacità, di realizzare il casa il lievito madre ti consigliamo di optare per questo agente lievitante in quanto, oltre a farti risparmiare denaro, ti permetterà di realizzare prodotti decisamente più buoni rispetto a quelli che prepareresti con il lievito industriale.

Perché a volte l’impasto non lievita?

Ci sono diversi motivi per cui l’impasto può non lievitare, tra i più frequenti abbiamo:

  • La presenza di correnti d’aria nell’ambiente in cui hai lasciato a lievitare l’impasto;
  • La percentuale liquida non è equilibrata con la percentuale solida;
  • Il lievito non è fresco o non è stato rinfrescato nel caso di lievito naturale;
  • Le farine che hai usato per l’impasto non sono idonee alla lievitazione oppure non sono fresche;
  • Temperatura sbagliata della parte liquida, o della parte solida;
  • L’acqua che hai usato per l’impasto contiene calcare.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons