Loading...

Tutti i modi per sciogliere il cioccolato

Tutti i modi per sciogliere il cioccolatoSciogliere il cioccolato non è difficile. Certo bisogna usare alcuni accorgimenti, ma è un’operazione che si può fare in tutta tranquillità usando i metodi tradizionali, oppure con l’aiuto di moderni robot da cucina.

Vediamo insieme in quanti modi si può sciogliere il cioccolato.

Regole base

Per sciogliere bene il cioccolato senza combinare disastri, non è necessario essere maestri cioccolatieri.

Anche i principianti possono fondere al meglio il cioccolato, l’importante è che si attengano ad alcune regole base molto semplici.

La prima regola è di non mettere mai il cioccolato a contatto diretto con la fonte di calore. La seconda accortezza da usare è di non far raggiungere mai temperature elevate al cioccolato per evitare che acquisti uno sgradevole sapore di bruciato.

Infine, regola più importante, mai far saltare gocce di acqua nel cioccolato perché altrimenti, non solo si rischia di alterare il prodotto, ma si forma anche una brutta patina esterna.

Tutte le tecniche

Bagnomaria

Tradizionalmente il cioccolato si fa sciogliere a bagnomaria. Questo metodo è adatto sia per fondere il cioccolato, sia per cuocere qualsiasi cibo che ha bisogno di essere mescolato continuamente e che a contatto diretto con il fuoco si rovinerebbe. La cottura a bagnomaria si può fare per contatto, a secco, sul fuoco oppure nel forno. Quest’ultima tecnica però non è indicata per sciogliere il cioccolato.

Per contatto

La cottura a bagnomaria per contatto prevede che la pentola con l’alimento da cuocere sia completamente immersa nell’acqua calda. Anche se molti la utilizzano, questa tecnica non è adatta a sciogliere il cioccolato. La cottura a bagnomaria per contatto, infatti, è più indicata per riscaldare il cibo o per preparare salse o mousse.

A secco

Si definisce a secco la cottura a bagnomaria in cui la pentola con il cibo non è toccata dall’acqua sottostante e la cottura avviene solo tramite il calore del vapore. Il cioccolato si scioglie con la cottura a bagnomaria a secco perché in questo modo la temperatura si mantiene costante e bassa.

Sul fuoco

Per sciogliere il cioccolato a bagnomaria sul fuoco servono due pentole di diverso diametro. Si riduce a pezzetti il cioccolato e si versa nella pentola più piccola, possibilmente di alluminio. Si riempie per 2/3 di acqua la pentola più grande e sopra si posiziona la pentola con il cioccolato avendo cura che non entri a contatto con l’acqua.

Si porta a bollore l’acqua e subito dopo si abbassa la fiamma. Il calore del vapore, irradiandosi in modo omogeneo sul contenitore sovrastante, scioglierà lentamente il cioccolato lasciandone inalterato il sapore. Ovviamente, non bisogna mai smettere di mescolare il cioccolato fino alla sua completa fusione.

Tutti i modi per sciogliere il cioccolatoForno a microonde

Per sciogliere il cioccolato nel forno a microonde si spezzetta finemente il cioccolato e si mette in un recipiente adatto a questo tipo di cottura.

Regolare la temperatura del forno a 50 gradi e il timer a 30 secondi.

Dopo i primi trenta secondi si toglie il recipiente dal forno, si mescola delicatamente e poi si rimette nel forno per altri 30 secondi.

Ripetere l’operazione fino a quando il cioccolato non sarà completamente fuso.

Bimby

Il cioccolato può essere anche sciolto con il Bimby. Si versa il cioccolato tagliato a pezzetti nel boccale dell’elettrodomestico e si fa tritare finemente a velocità sette per dieci secondi. Poi si impostano la temperatura a 50 gradi, la velocità a tre e il timer a tre minuti.

Quando si fonde il cioccolato con il Bimby, bisogna aggiungere nel boccale anche un po’ di olio. Per 300 grammi di cioccolato fondente, per esempio, vanno inseriti almeno due cucchiai di olio di semi. Trascorsi i primi tre minuti si ferma il robot, si raccoglie con una spatola il cioccolato che si deposita sulle pareti e si riaziona il Bimby per altri tre minuti.

Tutti i modi per sciogliere il cioccolatoQualche consiglio

Il cioccolato deve essere sempre mescolato con molta delicatezza per evitare che incameri troppa aria.

Quando ciò succede, non solo si possono formare antiestetiche bollicine, ma quando si sarà raffreddato, diventerà anche molto duro, perciò difficile da lavorare.

Ricordate, inoltre, di non utilizzare cucchiai di legno per evitare che il cioccolato prenda strani sapori.

L’attrezzo ideale per mescolare bene il cioccolato è la spatola di silicone, meglio conosciuta come leccapentola, che si adatta alla forma del recipiente, permettendo di recuperare e amalgamare al meglio anche il più piccolo residuo di cioccolato.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Troppodolce.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons